Quantcast

Sullo spettro di energia degli elettroni negli sciami estesi di raggi cosmici

Research paper by C. Milone

Indexed on: 18 May '08Published on: 18 May '08Published in: Il Nuovo Cimento (1955-1965)



Abstract

Viene studiato a Catania, 40 m s.l.d.m., mediante contatori di G.M., lo spettro di energia degli elettroni negli sciami estesi dei raggi cosmici a due distanzed dal sistema che rivela gli sciami (d=0 ed=50 m) prendendo in considerazione successivamente sciami aventi nella parte centrale densità media Δ=72; 42; 25; 12,5; 6,25; 3,14 particelle/m2. I risultati sperimentali mostrano che lo spettro di energia degli elettroni negli sciami può essere espresso dalla relazioneN=K(E+Ec)−ε, doveN è il numero di elettroni con energia maggiore diE, Ec è l'energia critica in aria, ed ε è un esponente che dipende dalla densità media dello sciame e dalla distanza degli elettroni dall'asse dello sciame. I valori sperimentali di ε risultano inferiori ai valori che si ricavano dalla teoria a cascata elettrofotonica, cioè lo spettro sperimentale è più duro di quello previsto dalla teoria. Inoltre alla distanzad=50 m si trovano elettroni con energia troppo elevata per appartenere ad una cascata elettronica iniziata nell'alta atmosfera da un singolo elettrone. Per interpretare i risultati sperimentali viene abbandonata l'ipotesi della cascata puramente elettronica e viene ammesso che negli sciami estesi gli elettroni siano prodotti anche da parte di una componente meno assorbita degli elettroni in aria, la quale alimenta lo sciame e contribuisce allo sviluppo di esso.