Quantcast

Proinsulina. Biosintesi e secrezione

Research paper by Franco Melani

Indexed on: 01 Dec '72Published on: 01 Dec '72Published in: Acta diabetologica latina



Abstract

La molecola della proinsulina, precursore a catena unica dell'insulina, inizia con la catena B dell'insulina, prosegue attraverso un peptide composto di circa 30–35 aminoacidi, in rapporto alla specie e termina con la catena A dell'insulina. Numerose indagini sperimentaliin vitro suggeriscono che la trasformazione della proinsulina in insulina sia legata alla formazione dei granuli di secrezione e che il C-peptide non venga metabolizzato all'interno delle cellule B. É stato dimostrato che la proinsulina e il C-peptide sono presenti nel siero di soggetti normali, obesi e diabetici. A digiuno, la concentrazione della proinsulina sierica rappresenta circa il 40 % di quella dell'insulina (ovvero circa il 25 % dell'IRI sierica totale). Dopo somministrazione di 100 g di glucosio, è stata osservata una diminuzione del rapporto proinsulina/insulina. In alcuni soggetti con tumore funzionante delle isole di Langerhans, i valori della proinsulinemia possono essere molto elevati, fino a rappresentare circa l'80–90 % dell'IRI sierica. La determinazione del C-peptide nel siero è stata eseguita per mezzo di un metodo radioimmunologico specifico. Dopo glucosio, è stato osservato un aumento dei valori sierici del C-peptide. In soggetti normali, obesi e diabetici e in soggetti con insulinoma i valori sierici del C-peptide e dell'insulina erano essenzialmente equivalenti se valutati su base molare. La presenza della proinsulina e del C-peptide in circolo ha suscitato notevole interesse nei riguardi di un eventuale effetto biologico di queste sostanze. Nonostante che nei riguardi dell'attività biologica della proinsulina i risultati siano piuttosto contrastanti, probabilmente in rapporto alle diverse tecniche impiegate, gli effetti metabolici della proinsulina nei varî tessuti sono molto simili a quelli dell'insulina. Al contrario, il C-peptide non sembra possedere alcuna attività biologica. Non è ancora certo se la proinsulina e il C-peptide presenti in circolo svolgano qualche funzione specifica a livello dei tessuti periferici oppure se essi rappresentino semplicemente una conseguenza passiva del meccanismo di secrezione dell'insulina.